Behrami promette: “Ok in difesa, presto arriveranno nuove idee anche in attacco"

04.12.2018 21:22 di Federico Mariani  articolo letto 547 volte
Behrami promette: “Ok in difesa, presto arriveranno nuove idee anche in attacco"

Occhiate, incoraggiamenti, fiato infinito. La partita di Valon Behrami al Mapei Stadium è un concentrato di grinta e generosità, oltre che di palloni recuperati e recapitati ai compagni. Una gara interrotta al 53’, complice una botta rimediata all’inizio della ripresa. Nel post gara, il giocatore ha commentato la prestazione della squadra, uscita con uno 0-0 da Reggio Emilia.

Valon, è arrivato un buon punto dalla sfida con il Sassuolo. Può essere considerato come un risultato positivo o come un passo indietro dopo il successo contro la Roma?

“Come hai detto tu, è un buon punto su un campo difficile. L’aspetto positivo è non aver preso gol. È normale che, a livello propositivo, dobbiamo fare di più, ma, a piccoli passi, stiamo facendo un percorso convincente. Abbiamo fatto bene quello che ha chiesto il Mister. La fase difensiva è stato un aspetto su cui Nicola ha calcato particolarmente la mano ed i risultati si vedono. Presto valuteremo nuove soluzioni offensive perché ne abbiamo bisogno. Siamo arrivati poche volte alla conclusione”.

In effetti, inizialmente si è vista la mano del tecnico, con il 3-5-2 pronto a diventare 5-3-2 e viceversa in maniera molto lineare e pulita.

“Sì sì abbiamo iniziato bene nei primi 20 minuti. Si vedevano ordine e concetto in campo. Poi qualche episodio ci ha spaventato ed abbiamo abbassato molto la linea, subendo il gioco di qualità del Sassuolo. Per noi, l’importante è la convinzione di ciò che facciamo. Lo abbiamo fatto all’inizio, ma dobbiamo essere più concreti per tratti più lunghi della partita”.

Sei uscito anzitempo per un botta alla caviglia. Vista l’ultima travagliata stagione, come ti senti?

“La scorsa stagione è stata molto complicata. Ho cambiato modo di lavorare, ora i risultati si vedono. La botta alla caviglia è diversa dai problemi muscolari accusati negli ultimi mesi. Valuteremo nei prossimi giorni. Non potevo continuare a giocare, sarei stato un problema della squadra se avessi proseguito in quelle condizioni. Ora vediamo in questi due giorni cosa succede, anche se sono abbastanza tranquillo. Sono convinto di aver svolto un lavoro adatto per evitare infortuni gravi, come quelli capitati nella scorsa stagione”.