"Ho giocato di fronte a grandi folle prima, ma forse questo sarà la più grande. Personalmente cerco solo di preparare la gara come se fosse una partita normale. So che si tratta di un grande stadio, lo so che è un grande incontro, so che tutte queste cose, ma non c'è niente che puoi fare. Si prepara così come si può e si va fuori a giocare e dare il cuore per la squadra e per il club. Questo è tutto quello che posso fare". Coraggio, paura, voglia di scendere il campo e dare tutto per la causa giallonera. Con questo spirito Joel Ekstrand, difensore del Watford, prepara la sfida di domani a Wembley dove in palio ci sarà la promozione in Premier League: "Quando ho giocato la qualificazione di Champions League contro l'Arsenal è stato lo stesso. Eravamo in un grande stadio, ma quando l'arbitro ha fischiato l'inizio non pensavo più a nulla. 34000 spettatori? Sarà uno spettacolo enorme. Sarà importante sentire la fiducia da parte dei nostri sostenitori, la loro spinta e vedere tutte le persone che sono lì per vedere il match. Avremo modo di trasformare questa energia in positivo. Ho visto delle partite a Wembley, è un fantastico stadio. Ero lì con Almen Abdi per guardare Inghilterra-Ucraina. Wembley è un delizioso stadio ed è un sogno per ogni giocatore essere in grado di giocarci. Sono solo felice di trovarmi in questa situazione e forse avrò la possibilità di giocare lì". Poi la chiusura sull'incredibile semifinale contro il Leicester: "Per me è stato incredibile, il momento più bello della mia carriera finora, un grande finale di partita. Non posso dire che mi ricordo bene tutto perché era tutto troppo frenetico, ma è stato semplicemente fantastico e io sono felice per tutti i tifosi che sono venuti allo stadio e tutti gli altri che hanno potuto godere con noi".

Sezione: Watford / Data: Dom 26 maggio 2013 alle 14:10 / Fonte: watfordfc.com
Autore: Gaetano Cantarero
vedi letture
Print