L'allenatore condannato con il Daspo farà ricorso al Tar: "Mi hanno messo ingiustamente alla gogna"

21.11.2019 12:00 di Stefano Pontoni Twitter:    Vedi letture
L'allenatore condannato con il Daspo farà ricorso al Tar: "Mi hanno messo ingiustamente alla gogna"

Dopo essere salito agli onori, anzi ai disonori in questo caso, della cronaca nazionale per il Daspo ricevuto dopo gli insulti territoriali all'arbitro, Flavio Giust ricorrerà al Tar per ottenere la sospensione del provvedimento. Il tecnico degli Esordienti del Fontanafredda, condannato a restare lontano dai campi per un anno, ha negato di aver utilizzato il termine terrone e di aver tenuto per tutta la durata della partita un atteggiamento minaccioso nei confronti del fischietto e dei sui giovani calciatori, come invece denunciato da alcuni dirigenti presenti.

Gli stessi dirigenti della Sacilese, la squadra avversaria, che si trovavano dietro la sua panchina insieme a un osservatore dell'Udinese, gli danno ora ragione. Per questo motivo l'allenatore ha deciso di affidarsi all'avvocato udinese Nadir Plasenzotti per fare ricorso. "Ho passato dei giorni davvero terribili, sono stato davvero male per questa cosa. Mi hanno messo ingiustamente alla gogna. Non ho mai usato quel termine nei confronti dell'arbitro e tanto meno ho minacciato i miei ragazzi" - ha dichiarato Giust -  "Ora mi tutelerò per far sì che emerga la verità".