Juniores girone B- Il Ragogna passeggia 10-1 sul Moimacco e vince il campionato. Di Calabretta il gol della bandiera per i biancoverdi scesi in campo in 10

17.04.2018 11:30 di Jessy Specogna  articolo letto 260 volte
Juniores girone B- Il Ragogna passeggia 10-1 sul Moimacco e vince il campionato. Di Calabretta il gol della bandiera per i biancoverdi scesi in campo in 10

Il Ragogna passeggia sulle macerie del Moimacco,vince 10-1, e porta a casa il titolo di campione nel girone B,quello udinese, degli juniores provinciali. Un titolo stra meritato per i ragazzi di mister Micoli, arrivato all'ultima giornata solamente a causa di un Chiavris che non ha mai mollato e al termine della stagione è arrivato secondo con solo due punti in meno rispetto ai rossoblù.

Per vincere il torneo, sabato, il Ragogna avrebbe dovuto battere a tutti i costi il Moimacco, fanalino di coda con solo 4 punti raccolti in tutto il campionato. Il classico testa-coda che alle volte può riservare qualche sorpresa. Così però non è stato, con il Ragogna che ha fornito una prestazione da urlo davanti al proprio pubblico, in una cornice davvero suggestiva ( Concil tutto esaurito per l'occasione), lasciando solo le briciole al Moimacco. Un Moimacco sceso in campo in completa emergenza con soli 10 effettivi,3 dei quali provenienti dalla Prima squadra(Specogna,Sancis e Calabretta), e senza mister al seguito, sostituito per l'occasione dal dirigente  Simaz. 

Dopo 10 minuti nella quale il copione della partita diventa sin da subito chiaro ma nella quale la formazione di casa non riesce a trovare la via del gol, al 14' l'episodio che stappa la partita. Sul tiro di Conzatti, il difensore del Moimacco Batlome interviene colpendo il pallone visibilmente con il braccio. Calcio di rigore netto che viene trasformato da Barachino. Da qui inizierà la festa e la goleada del Ragogna. Solo due minuti più tardi è Lizzi a trovare il 2-0 con un gran destro al volo. Si va all'intervallo addirittura sul 7-0 per la formazione di casa andata a segno anche con Sgoifo,Conzatti,Bonesso,Girardi e ancora Conzatti.L'unico pericolo creato dal Moimacco nella prima frazione di gioco è stato un tiro velleitario finito alto da parte di Calabretta, che ha avuto l'improbo compito di lottare per 90' da solo contro la forte difesa del Ragogna.

Nel secondo tempo girandola di cambi per la formazione di mister Micoli. Il Ragogna continua a controllare il gioco facilitato ovviamente dalla superiorità numerica e trova subito l'8-0 grazie al gol di Barachino.  Al 29' anche Collavizza si iscrive al tabellino dei marcatori punendo il portiere ospite Rimicci con un preciso calcio di punizione.Quattro minuti più tardi arriva anche il 10-0 con un rigore trasformato da Luca Felice. Moimacco che nonostante la difficile situazione, in 10 dall'inizio e sotto di 10 gol, cerca di farsi viva dalle parti del portiere di casa Battaino.E a tre minuti dalla fine,con il Ragogna ormai già in festa,  trova il meritatissimo gol della bandiera. A realizzarlo è Calabretta che, anticipando il suo marcatore da vero rapinatore d'area, infila Battaino con un preciso destro di contro balzo su invito dalla destra di Tripodi. Gol del Moimacco che viene accolto con un grande  e sportivo applauso da parte del pubblico di casa presente sabato pomeriggio al Concil. Un gol,quello del "Calabro",che ripaga gli sforzi di 10 ragazzi che comunque hanno avuto il coraggio di giocare lo stesso contro la capolista seppur in inferiorità numerica.

Onore a loro dunque ma anche e soprattutto al Ragogna che può meritatamente festeggiare il trionfo in campionato.Un trionfo più che meritato. Per la formazione campione del girone B provinciale sia il miglior attacco(80)che la miglior difesa(18)del raggruppamento.