Il presidente della FIGC regionale Canciani: "Ho molti dubbi che possano ricominciare i campionati. Non ci sono le condizioni per la ripresa"

03.05.2020 17:39 di Redazione TuttoUdinese   Vedi letture
Fonte: Bh Tv
Il presidente della FIGC regionale Canciani: "Ho molti dubbi che possano ricominciare i campionati. Non ci sono le condizioni per la ripresa"

Difficile, se non quasi impossibile, che per questa stagione il calcio regionale, a tutti i livelli, possa tornare in campo. A fare maggiore chiarezza sulla delicata situazione che il mondo dilettantistico sta attraversando è stato il presidente della Figc del Friuli Venezia Giulia Ermes Canciani.

"In questo momento contano la salute e la sicurezza. Serve responsabilità per la ripresa. Fino a quando non avremo una netto miglioramento è purtroppo impossibile pensare di riprendere l'attività. Se il calcio dilettantistico riprenderà? Ho molti dubbi che possano ricominciare i campionati perché le squadre non sono in grado di sostenere l'organizzazione e le spese per il rispetto del protocollo. Impossibile chiedere ad una squadra dilettantistica di osservare le stesse norme di una di Serie A. 

Una sofferenza che è anche soprattutto economica. Il dilettantismo è quello che rischia di pagare di più questa situazione: "Il mondo dei dilettanti soffre ed economicamente è a rischio, questa è il più grave problema. Senza gli sponsor, senza le compartecipazione alle spese da parte del tessuto economico il calcio regionale non può sopravvivere. Nei dilettanti non ci sono diritti tv, le uniche entrate sono derivanti dai biglietti, dal chiosco e dagli sponsor, tolti questi non ci sono altri soldi".

Fortemente in dubbio anche lo svolgimento del campionato carnico: "Sta subendo come tutto il resto del calcio regionale. L'attività, ovviamente, non è ancora partita. Dopo il Consiglio federale della prossima settimane prenderemo una decisione definitiva".

Ferma fino a data da destinarsi l'attività del settore giovanile: "Le scuole sono chiuse da mesi e per quest'anno scolastico non riapriranno. E' illogico fare previsioni, bisogna capire quale sarà l'andamento nei prossimi mesi. L'attività riprenderà quando ci saranno le condizioni giuste. Senza una minima sicurezza il calcio giovanile resterà fermo".