Walace, un mastino brasiliano nel giro della Selecao per il centrocampo di Tudor

08.08.2019 10:18 di Jessy Specogna   Vedi letture
Walace, un mastino brasiliano nel giro della Selecao per il centrocampo di Tudor

Con un comunicato sui propri profili social, l'Hannover ha comunicato ieri di aver chiuso la trattativa che porterà Walace in Friuli all'Udinese per una cifra vicina ai sei milioni di euro, dando l'ok al giocatore per viaggiare in Italia. Sarà lui, dunque, il rinforzo per il centrocampo richiesto a più riprese da Tudor. Le sue caratteristiche? Walace è un mediano puro (in Brasilie lo definirebbero un volante), un giocatore molto fisico (alto 1,88 m), che nonostante la grande stazza vanta una buona tecnica, da buon brasiliano, e grandi doti balistiche e di coordinazione oltre ad un tiro potente. Walace, tra l'altro, è anche nel giro della Nazionale brasiliana, con la quale ha già raccolto qualche presenza.

Walace Souza Silva nasce a Salvador de Bahia il 4 aprile del 1995. Da giovanissimo, inizia a muovere i primi passi nel mondo del calcio in una squadra amatoriale nei pressi di Bahia. Nel 2011, a 16 anni, passa all'Avai. Qui il giovanotto è fisicamente due spanne superiori agli altri compagni e ben presto attira su di se le attenzioni di diverse big brasiliane. Va dunque in prestito al Bahia per poi ritornare nella stagione seguente all'Avai, militando nell'Under 19.

Nel 2013, il Gremio, una delle società più importanti in Brasile, bussa alla porta dell'Avai e mette sotto contratto il ragazzo. Qui emergerà tutto il suo talento. Con la maglia del Gremio diventa un titolare inamovibile, gioca più di cento partite tra campionato e Copa Libertadores, segnando anche qualche gol e soprattutto guadagnando la chiamata della Nazionale brasiliana. Nel gennaio del 2017 arriva per lui il momento del grande salto con l'approdo in Europa.

Walace viene ingaggiato dall'Amburgo, che per averlo mette sul piatto 10 milioni di euro. Nella sua prima stagione in Europa, Walace colleziona 27 presenze complessive e due reti, non riuscendo però ad evitare la retrocessione dell'Amburgo nella seconda serie tedesca. L'anno seguente, però, Walace rimane in Bundesliga, venendo acquistato dall'Hannover. Anche qui il brasiliano diventa un titolare inamovibile, probabilmente il miglior giocatore della squadra, ma pure questa stagione si conclude con una retrocessione per il suo club.

Insomma, due esperienze in Germania positive a livello personale, un po' meno a livello di club. Ecco dunque che Walace arriverà in Italia con forti motivazioni, per mettersi alle spalle queste due ultime stagioni a livello di squadra e confermare ancora una volta di essere uno dei talenti in ascesa del calcio brasiliano.