Presentazione Primavera: "Vogliamo delle giovanili sempre più radicate sul territorio"

12.09.2018 17:39 di Davide Marchiol  articolo letto 1283 volte
Presentazione Primavera: "Vogliamo delle giovanili sempre più radicate sul territorio"

Presentata oggi la squadra Primavera, che domani farà il suo esordio contro l'Empoli, presenti Trevisan, Pradè, Natali e mister Sassarini per fare il punto della situazione sulle giovanili.

Pradè dà il benvenuto: “In tanti anni in cui faccio calcio è la prima volta che presento una Primavera, questo significa che l'Udinse ci tiene a questa squadra, ho parlato con ognuno dei ragazzi in ritiro, voglio innanzitutto che vengano espressi certi valori, negli anni passati nelle Primavere avevo i De Rossi, gli Aquilani, i Chiesa, i Bernardeschi, quindi dipende tutto dai ragazzi, sta a loro. Buona fortuna”

Natali dà una prima traccia del progetto tecnico: “Per me è un onore essere presente in questo nuovo corso, il nostro progetto tecnico parte innanzitutto dai valori, poi sul campo vogliamo che tutte le squadre giovanili giochino in modo simile, per una valorizzazione di un patrimonio tecnico che credo sia di ottimo livello. Molti dei componenti di questa Primavera sono cresciuti qua, siamo dunque attenti al territorio e vogliamo dare la possibilità ai ragazzi friulani di fare il grande salto”.

“L'obiettivo quando si inizia una stagione è difficile da ipotizzare, noi non possiamo accontentarci di mantenere la categoria per valorizzare i giocatori, affinchè si esprimano bisogna crescere. Non me la sento di dire a questi ragazzi che dobbiamo salvarci all'ultima giornata o ai play-out, dobbiamo crescere”.

Il Responsabile del settore giovanile, Angelo Trevisan: “L'arrivo di Daniele Pradè ci ha dato un grosso stimolo, così come do il benvenuto a Natali. Il fatto che siano entrambi presenti in questa presentazione è un simbolo di quanto la società ci tenga a far cambiar marcia anche a livello giovanile”.


Mister Sassarini: “La sensazione è molto positiva, per la prima volta da quando alleno sento che i ragazzi hanno la maglia attaccata addosso. Vogliamo fare un calcio che punti alla prestazione, non andremo a economizzare sul risultato, già da sabato, per valorizzare il singolo”.

“Tutte le partite sono complicate, dovremo essere sempre al 100%, il fatto che ci siano le retrocessioni ora crea una situazione da prima squadra, bisognerà dare sempre il massimo”.

Trevisan poi traccia un quadro generale della situazion: “Abbiamo una delle rose più giovani del campionato, 17 ragazzi di questa squadra sono friulani cresciuti dagli Esordienti, questo è il progetto, nasceranno anche i centri di formazione, vogliamo radicarci nel territorio, lasciando i bambini nelle loro città di origine. Se un bambino di 8 anni è di Grado è giusto che faccia qualche anno a Grado prima di venire ad Udine. Abbiamo già giocato due trofei importanti, nel trofeo Rocco abbiamo espresso un buon calcio, abbiamo vinto il trofeo Scirea, quindi a Pasqua saremo a Matera in qualità di detentori del trofeo e giocheremo insieme a squadre come Real Madrid, Barcellona, Inter. È un anno molto importante. Abbiamo, per la Primavera, individuato un allenatore che credo tirerà fuori il meglio dai nostri ragazzi. Inizialmente soffriremo, un anno di differenza fa tanto, ma vedrete che alla lunga emergerà tutto il nostro potenziale. D'accordo con la proprietà è un paio di anni che giochiamo un po' in tutto il Friuli, giocheremo a Cervignano, Manzano, Flaibano, Villa Vicentina, Pagnacco... questo proprio per sposare questo spirito di fidelizzazione del territorio, coprendo un po' tutta la provincia di Udine, come sapete per le regole federali non possiamo andare a Gorizia, Pordenone o Trieste”.

Benedetta Terraneo presenta il nuovo sponsor Dinamica: “Siamo una ditta di Gorizia, la Dinamica produce microfibra soprattutto per le auto sportive, auto adrenaliniche, dallo scorso anno ci siamo avvicinati al mondo di Udinese Calcio perchè ci accomuna la passione dello sport e la voglia di arrivare sempre primi, contro competitor magari anche più grandi di noi.

Parla Battistella in qualità di portavoce della squadra: “Vogliamo raggiungere la posizione più alta possibile in classifica, giocando al meglio delle nostre possibilità”.

Chiude mister Sassarini: “Vogliamo far bene, vogliamo essere coesi, uniti, forti, per crescere e arrivare sempre più in alto”.