Il campionato dell'Udinese, salvi con lieve affanno. Valorizzati Musso e De Paul

03.08.2020 18:43 di Redazione TuttoUdinese   Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Il campionato dell'Udinese, salvi con lieve affanno. Valorizzati Musso e De Paul

Il campionato 2019-20 si è concluso inaspettatamente nel mese di agosto, dopo la chiusura e i lockdown causati dalla pandemia. Che camopionato è stato per la nostra Udinese? Stagione tortuosa, cominciata male con Tudor e finita al meglio con Gotti.

IL MERCATO DELL'ANNO SCORSO - Il primo colpo era stato quello di Rodrigo Becao dal Bahia, potrebbe essere il primo ad andarsene. Poi i due palermitani Nestorovski e Jajalo, De Maio per la difesa - tutti e tre svincolati - il prestito di Ken Sema, l'acquisto definitivo di Okaka e quello di Walace dall'Hannover. A gennaio erano arrivati, entrambi dal Watford, Prodl (che non ha mai giocato) e Zeegelaar.

GLI OBIETTIVI - L'intenzione era quella di mantenere la categoria, magari con una puntatina verso la parte sinistra della classifica, per ricominciare un percorso verso quella che era l'Udinese di un tempo. Anche perché l'idea di lavorare sempre per una salvezza con il fiato corto non aiuta a una progettualità.

PRIMA DEL COVID - La classifica parlava chiaro: l'Udinese aveva 28 punti, un più tre tutt'altro che rassicurante su Genoa e Lecce, un vantaggio che si era accorciato nell'ultimo periodo anche grazie alle buone prestazioni di liguri e salentini. Tudor non aveva dato un'impronta alla squadra, mentre Gotti - suo malgrado - stava facendo bene a dispetto di un attacco asfittico.

POST PANDEMIA - >Tredicesimo posto, più sette rispetto al Lecce, più tre al Genoa. Insomma, Gotti ha fatto un discreto lavoro anche dopo lo stop, trovando finalmente anche una discreta continuità di gol, grazie a un De Paul sempre più trascinatore e a Musso, bravo a parare gran parte di tiri anche con un altissimo grado di difficoltà.

LE CONCLUSIONI - L'Udinese ora vuole continuare con Gotti e fa bene, perché l'idea dev'essere quella di continuare un progetto. C'è però il problema fra i due migliori giocatori: Musso forse può attendere un altro anno, De Paul verrà con ogni probabilità ceduto, anche se a un prezzo inferiore di quanto sperato.