I sogni della Fiorentina si fermano a Firenze. I bianconeri vengono sconfitti per 2-0 in virtù delle reti segnate da Pasqual e Cuadrado. Due grandissimi gol sui quali Simone Scuffet non poteva fare nulla. Ma in campo abbiamo visto i bianconeri vivi che non avrebbero meritato di perdere e di uscire dalla competizione nazionale. Ma i sogni dell'Udinese si sono infranti senza dubbio sul direttore di gara Davide Massa. Purtroppo è lui uno dei principali protagonisti del match. Arbitraggio discutibile da parte di un arbitro mediocre e non all'altezza di un match cosi importante come una semifinale di Coppa Italia. Palloni che sparivano dalle mano dei raccattapalle, decisioni più che dubbie e discutibili e 6' minuti di recupero concessi dove se ne sono giocati al massimo la metà. Forse l'Udinese ha pagato il fatto di non chiamarsi Juventus, Milan o Inter e quindi di ricevere un arbitro di prima fascia. In aggiunta, da giorni i media spingono palesemente la Fiorentina alla finale. Si è parlato del rientro di Gomez (che non ha neanche giocato) della prima finale per la gestione Della Valle e della possibilità di accedere in anticipo all'Europa. Per non parlare di una telecronaca Rai incredibilmente di parte viola.E l'Udinese? Nulla. Forse meglio cosi, ma alla fine anche la pressione mediatica ha pesato sulla gara ed in particolare sull'arbitraggio che ha favorito il passaggio dei viola alla finale di Roma. 

Sezione: Primo Piano / Data: Mer 12 febbraio 2014 alle 12:00
Autore: Redazione TuttoUdinese
vedi letture
Print