primo piano

Beto sempre più integrato, contro la Fiorentina può scoccare la sua ora

ROME, ITALY - SEPTEMBER 23:  Norberto Beto of Udinese Calcio competes for the ball with Chris Smalling of AS Roma during the Serie A match between AS Roma and Udinese Calcio at Stadio Olimpico on September 23, 2021 in Rome, Italy.  (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

Anche contro la Roma Beto Betuncal è stato protagonista di un buon ingresso in campo a gara in corso. Il portoghese domenica potrebbe avere la sua prima chance da titolare.

Davide Marchiol

È già tempo di tornare in campo per l'Udinese, reduce dalla sconfitta di giovedì sera contro la Roma. Domani infatti i bianconeri affronteranno al Friuli (Dacia Arena) la Fiorentina, in un match difficile per tante ragioni. Innanzitutto perché la Viola è in ripresa, con Italiano in panchina infatti lo spirito sembra cambiato rispetto a una stagione 2020/2021 decisamente deludente. In secondo luogo c'è da considerare che il tempo per recuperare le energie psicofisiche è stato molto poco. La truppa di Gotti ha infatti giocato lunedì sera con il Napoli, giovedì sera contro la Roma e ora c'è il terzo match in meno di sette giorni.

Sarà dunque fondamentale, oltre alla giusta mentalità, anche riuscire a recuperare più forze possibili. Contro la Roma un po' di stanchezza in alcuni elementi si è notata. Due big match in pochi giorni drenano parecchio indipendentemente da quale sia il risultato finale. Molina in particolare è parso col fiato molto corto, anche perché va considerato che è rientrato dall'avventura con l'Argentina per poi giocare subito contro lo Spezia senza nemmeno fermarsi un attimo. Non solo lui però. Anche Nacho Pussetto è sembrato essere un po' più opaco del solito, non riuscendo a dare la giusta profondità a una squadra che nel primo tempo dell'Olimpico era pensata per sorprendere in velocità la retroguardia giallorossa.

Ecco perché dunque contro la Fiorentina, per tenere alti i ritmi, potrebbe esserci più di un cambio. Quello che susciterebbe più curiosità sarebbe sicuramente quello tra Pussetto e Beto Betuncal. Il portoghese ha già iniziato a ritagliarsi il suo spazio. Tre spezzoni da poco meno di mezz'ora ciascuno, scendendo sempre in campo da quando è arrivato. Ancora un po' poco per giudicare il suo impatto, ma il peso là davanti ce lo ha messo in tutti i gettoni che ha avuto. Tante sportellate e anche buone capacità nel gioco di sponda. L'ex Portimonense sembra già aver capito quali siano i suoi compiti e come svolgerli, ecco perché domani potrebbe essere arrivato il momento giusto per dargli ulteriore fiducia, regalandogli la sua prima gara italiana dal primo minuto.

tutte le notizie di