pordenone

Pordenone, ora o mai più. Contro il Cittadella serve una prova di forza

CREMONA, ITALY - OCTOBER 06: Coach Massimo Rastelli of Cremonese waches the game during the Serie B match between US Cremonese and Cittadella at Stadio Giovanni Zini on October 06, 2019 in Cremona, Italy. (Photo by Getty Images/Getty Images)

I ramarri si presentano al Tombolato ancora al palo: riusciranno contro i granata a invertire la tendenza e ripartire?

Alessandro Poli

Lovisa senior è stato chiaro: oggi comincia il campionato del Pordenone. Sarà effettivamente così? Il Cittadella, che lo scorso anno ha sfiorato la Serie A, ha poco da invidiare a squadre come SPAL e Parma che hanno agevolmente sconfitto i ramarri negli scorsi turni. È dunque l’atteggiamento che deve cambiare: la squadra di Rastelli non ha forse avuto troppo tempo per conoscere il suo allenatore ma è ormai da tempo che nel Pordenone manca la grinta necessaria a un team da Serie B. Ora o mai più quindi dovrà vedersi un’inversione di tendenza: se non ci sarà, diventerà molto difficile per la società ottenere ulteriori scusanti.

Formazione: anche se contro il Parma non è andata propriamente bene, c’è da credere che poche saranno le novità del Pordenone che scenderà in campo oggi. Modulo confermato ad albero di Natale con Tsadjout davanti, alle cui spalle agiranno Ciciretti e Folorunsho, ma una nuova prova negativa dei tre aprirebbe facilemtne le porte a Pellegrini o Cambiaghi, subentrati nell’ultimo match. In difesa rientra Camporese, che riprende accanto a Barison il posto occupato temporaneamente da Sabbione.

Così dunque potrebbero schierarsi i ramarri: Perisan; El Kaouakibi, Barison, Camporese, Falasco; Zammarini, Petriccione, Magnino; Folorunsho, Ciciretti; Tsadjout.

tutte le notizie di