pordenone

Pordenone, Lovisa: “Serve una svolta, faremo riflessioni importanti”

Pordenone, Lovisa: “Serve una svolta, faremo riflessioni importanti”

Altra sconfitta per i ramarri, prosegue il momento negativo del Pordenone

Stefano Pontoni

Dopo la sconfitta casalinga per 4-2 col Vicenza, è intervenuto in prima persona il presidente Mauro Lovisa. Queste le sue parole ai canali ufficiali del club: “È incredibile, in settimana avevo parlato con i ragazzi e non mi sarei mai aspettato un atteggiamento soprattutto come quello del primo tempo. Sono molto arrabbiato, ho parlato a lungo con la squadra, ho voluto guardare i ragazzi negli occhi per l'ennesima volta. Credo sia il punto più basso da quando sono presidente. Così non va bene, serve una svolta e quindi faremo delle riflessioni importanti. Si rischia di perdere la dignità e tutto quel lavoro che stiamo facendo a livello societario. L'unica cosa che posso garantire ai tifosi, e questo ve lo assicuro, che il nostro campionato comincerà veramente con la Ternana. Dobbiamo tornare ad essere una squadra con una mentalità diversa, bisogna liberare la testa. Avete visto come è entrato Mensah oggi? Lui e Valietti hanno fatto capire come si può e come si deve giocare. Speriamo di recuperare qualche giocatore, ma questa non è una scusa".

A metà partita c'è stata una reazione.

"Sono più preoccupato di quello che è successo dopo il 2-2. Questa squadra dovrebbe andare sempre avanti, invece è arretrata. Il Vicenza aveva più voglia di noi e ha meritato di vincere. Senza aggressività è dura. Come presidente mi prendo la responsabilità di questa situazione, ci metto la faccia. Prima di mollare ne vedremo delle belle, perché questo non sarà il Pordenone delle prossime partite. Oggi dov'erano i tifosi? Ora mi tolgo un sassolino: oggi eravamo in 700 compresi i ragazzi del settore giovanile. Io ci metto la faccia e cercherò di risolvere questa situazione, ma bisogna criticare un po' meno e dare una mano. Avete visto oggi i tifosi del Vicenza? In quelle piazze il pubblico dà una mano. Tutti insieme bisogna spingere nella stessa direzione".

tutte le notizie di