pordenone

Pordenone-Cosenza 1-1, LE PAGELLE: ramarri ancora distratti, così non si vince

Foto Alessandro Garofalo/LaPresse 
04 dicembre 2021 - Benevento, Italia 
sport, calcio 
Benevento vs Pordenone - Campionato di calcio Serie BKT 2021/2022 - Stadio Ciro Vigorito. 
Nella foto: Bruno Tedino allenatore (Pordenone Calcio)

Photo Alessandro Garofalo/LaPresse 
December 04, 2021 - Benevento, Italy 
sport, soccer  
Benevento vs Pordenone  - Italian Football Championship League BKT 2021/2022 - Ciro Vigorito stadium. 
In the pic:Bruno Tedino Coach (Pordenone Calcio)

Le pagelle di Pordenone-Cosenza.

Alessandro Poli

Ancora una volta una buona prestazione del Pordenone, che però non riesce a vincere a causa di un errore individuale, stavolta di Barison con la complicità di Falasco. Si rimane allora ancora lontani dalla quota salvezza, aspettando Alessandria e Vicenza.

Perisan 6: nessun errore nelle poche volte in cui deve intervenire.

El Kaouakibi 6: stavolta è attento e commette solo poche distrazioni non determinanti. Spinge con convinzione, Piccinini gli nega la gioia del gol.

Barison5: una buona partita rovinata dall’ennesima leggerezza. Come si può vincere se si continuano a fare questi errori?

Camporese 6: sempre attento di testa, fa buona guardia lì dietro.

Falasco 5,5: davanti fa troppa fatica a costruire gioco, dietro è lui che perde il pallone che porta all’espulsione di Barison.

Magnino6: buon lavoro a centrocampo, usa bene il fisico.

Pasa 6,5: ancora molta fatica, ma si fa apprezzare recuperando palloni e trovando soluzioni interessanti.

Pinato6,5: dopo un primo tempo così così entra bene nel secondo sfiorando per tre volte un gol che si sarebbe meritato (dal 73’ Zammarini SV: gioca la sua partita senza avere grandi possibilità di farsi notare).

Pellegrini7: sostituisce Folorunsho e gioca come un titolare di lungo corso. Tanti falli subiti tra cui quello che porta al rigore. Sacrificato dopo l’espulsione di Barison (dal 70’ Bassoli6: buona prestazione senza errori).

Butic 6,5: freddo sul dischetto e sfiora il raddoppio, poi non riesce a costruirsi molto altro ma c’è sempre nel pressing. Ora è lui il titolare (dal 73’ SyllaSV: sostanzialmente fa reparto da solo, difficile per lui trovare sbocchi).

Cambiaghi 6,5: contro la difesa avversaria non ha vita facile, ma quando accelera è sempre una garanzia.

tutte le notizie di