pordenone

Il Pordenone non c’è. Si va alla sosta senza punti né gol fatti

Il Pordenone non c’è. Si va alla sosta senza punti né gol fatti

I ramarri di Paci non convincono nemmeno contro la SPAL, a prescindere dal rosso a Camporese. Dopo due sole gare la stagione rischia già di rendersi difficile.

Alessandro Poli

Tracollo per i neroverdi, sconfitti ieri sera 5-0 dalla SPAL. Non solo colpa del rosso a Camporese, dato che i ferraresi si sono dimostrati pericolosi fin dai primi secondi di gara, impegnando più volte Perisan. È infatti proprio il Pordenone a mancare: Tsadjout e Folorunsho non ci credono e si impegnano poco, mentre Falasco consegna a Colombo il pallone del 2-0. Il risultato è zero sia nei punti sia nei gol segnati, mentre dopo la sosta arriverà il Parma di Buffon.

Anche Paci non pare avere le idee chiarissime. Il cambio modulo dopo solo una partita ha forse confuso i giocatori scesi in campo, mentre il tentennamento nel cambio Pellegrini-Stefani ha permesso alla SPAL di andare subito in vantaggio e di affievolire già dopo 17’ le flebili speranze di resistenza dei ramarri. Per il mister ora un periodo più lungo di riflessione e preparazione della prossima gara, anch’essa per nulla semplice. Se non dovessero arrivare punti forse anche la sua panchina comincerebbe a traballare, cosa che nessuno si augura.

Proviamo comunque a promuovere qualcuno: innanzitutto Perisan, che in caso di una stagione passata a lottare per la salvezza sarà indispensabile, poi Petriccione, che almeno si è fatto notare per qualche buona giocata. Bocciato invece l’attacco al completo e buona parte della difesa: sulla sinistra non convincono né Falasco né Chrzanowski mentre Bassoli si è visto quasi surclassare da Stefani, a cui per motivi di regolamento ha sottratto la fascia. Nella prossima gara dunque occorrerà una linea difensiva solida e un attacco più cinico, o la situazione potrebbe farsi nera.

tutte le notizie di