pagelle

Pordenone-Parma 0-4, LE PAGELLE: cambia l’allenatore, non il risultato

CREMONA, ITALY - OCTOBER 06: Coach Massimo Rastelli of Cremonese waches the game during the Serie B match between US Cremonese and Cittadella at Stadio Giovanni Zini on October 06, 2019 in Cremona, Italy. (Photo by Getty Images/Getty Images)

Le pagelle di Pordenone-Parma.

Alessandro Poli

I neroverdi sembrano partire con grinta, ma già dopo il primo gol soffrono la superiorità del Parma. Ora, fermi al palo e con zero gol segnati, attendono un’altra avversaria difficile come il Cittadella.

Perisan 6: spettatore incolpevole della goleada parmense. Si distingue per il bell’intervento su Del Prato quando la gara era ormai già compromessa

El Kaouakibi 5,5: esordio buono per l’italo marocchino che si nota soprattutto nella fase offensiva, impegnando Buffon in due occasioni. In difesa tiene, sbagliando solo quando Mihaila lo costringe all’ammonizione

Sabbione 5: nel primo tempo buona prestazione, cala molto nella ripresa quando concede troppo. Non accorcia su Brunetta che colpisce la traversa né poco dopo su Inglese che insacca

Barison 5: alterna qualche buon intervento dei suoi agli errori decisivi sui primi tre gol. Troppo poco per un difensore ormai esperto come lui

Falasco 6: una delle poche sufficienze, nonostante il giallo. Dal suo lato non giungono grossi pericoli ed è sua l’azione più pericolosa, ossia il tiro che impegna Buffon quando la gara era ancora sullo 0-1 (dal 73’ Chrzanowski 6: prosegue il buon lavoro di Falasco, in netto miglioramento rispetto allo scorso anno)

Magnino 5,5: prima del gol di Vasquez sembrava uno dei migliori, tra il pericolo creato a Buffon e il salvataggio prima del corner che ha portato il Parma a sbloccare il match. Man mano che passa il tempo lotta però sempre di meno, ancora troppa discontinuità (dall’81’ Pinato SV)

Petriccione 6: è il regista e si vede. Molti palloni giocati, lotta in mezzo al campo e un tiro in porta nel finale: uno degli ultimi ad arrendersi

Zammarini 5,5: titolare un po’ a sorpresa, anche lui lotta molto nella fase iniziale cercando di dare una mano all’attacco, mentre nella ripresa si vede poco (dal 66’ Misuraca 5,5: cerca di portare più grinta, ma con poco successo)

Folorunsho 5: viene cercato spesso dai compagni ma riesce a ottenere ben poco contro la difesa parmense, solo una punizione dal limite in avvio di secondo tempo che ovviamente non è sufficiente (dal 66’ Cambiaghi 5: nonostante il molto tempo a disposizione non è quasi mai coinvolto nel gioco neroverde)

Ciciretti 5: la sensazione è che cerchi di servire palla ai compagni piuttosto che avventurarsi in iniziative personali, raramente va al tiro. Troppo poco coraggio (dal 73’ Pellegrini 6: entra a gara già compromessa, cerca di mettersi in mostra vivacizzando l’attacco)

Tsadjout 4,5: un tiro ribattuto da Danilo e null’altro. Se non è la prima punta a segnare non ci si deve stupire poi troppo che nessun altro ci riesca. Vero che non ha moltissime occasioni, ma nemmeno in quelle che ha è mai pericoloso

tutte le notizie di