Tre quarti e mezzo avanti nel punteggio e poi il sorpasso decisivo della GeVi Napoli. Perde così, in maniera beffarda, se ce n'è una, l'Apu Old Wild West la finale di Coppa Italia di A2. Il punteggio finale di 80-69 è forse troppo punitivo nei confronti dei bianconeri, padroni del campo per tutto il primo tempo, fino all'accensione di Mayo tra le righe dei partenopei, il quale ha ridato ossigeno e spirito ai suoi compagni, regalando un secondo tempo a tinte assolutamente biancoazzurre. Rimane la soddisfazione, per la compagine friulana, di una Coppa Italia giocata da assoluta protagonista, con tante sorprese e grandi conferme, soprattutto tra il supporting cast. Queste le pagelle della finale:

Antonutti 7: l'Apu a dir la verità cala già nel terzo quarto ma le sue triple tengono a galla i bianconeri e regalano ancora un quarto di illusione.

Giuri 6: è uno dei giocatori più adatti per una partita in cui c'è da rispondere colpo su colpo alle azioni avversarie. Nel momento decisivo commette però troppe imprecisioni.

Foulland 6: è chiaramente la chiave per sbloccare l'attacco dell'Apu e fino a quando la chiave gira l'Apu rimane viva. Negli ultimi minuti però la chiave gira troppe volte a vuoto.

Pellegrino 5: non riesce a rendersi complementare con Foulland, il che dovrebbe essere praticamente il suo lavoro.

Italiano 5,5: naufraga nel finale ma la prestazione nel primo tempo lo salva parzialmente.

Nobile 5: mancato più di altri in questa Coppa Italia e in finale la storia non cambia granché.

Johnson 5: non basta qualche tripla a salvare una prova più che opaca. Dovrebbe fare la differenza e non ci riesce, risultando anche dannoso in certi momenti del finale.

Schina 5,5: con Monaldi è gran lotta, con Mayo è sofferenza pura. Nulla che non fosse stato messo in preventivo, considerando la qualità di Mayo e, nonostante tutto, il ragazzo riesce comunque a regalare qualche perla. 

Deangeli 6: si danna per marcare il miglior Mayo della competizione, compito ingrato. Una soddisfazione se la prende, il premio come miglior Under 21 della Coppa Italia.

Mobio 6: mette in mostra la sua eccezionale esplosività ma non riesce quasi mai a tradurre questo in un vantaggio concreto per i suoi compagni.

All. Boniciolli 8: la finale persa non macchia un percorso che ci ha fatti emozionare come da tempo non accadeva. Il voto va all'intera squadra per quanto mostrato in questo weekend pasquale, ricco di grandi emozioni. Il secondo posto, poi, non è mica risultato da scherzi.

Sezione: Pagelle / Data: Dom 04 aprile 2021 alle 20:50
Autore: Francesco Paissan
Vedi letture
Print