Tutto Udinese
I migliori video scelti dal nostro canale

notizie

Sport professionistico verso l’obbligo vaccinale: niente deroghe rispetto al 10 gennaio

ROME, ITALY - OCTOBER 22:  The FIGC New President Gabriele Gravina poses with FIGC logo during the Italian Football Federation (FIGC) elective assembly on October 22, 2018 in Rome, Italy.  (Photo by Marco Rosi/Getty Images)

Il 10 gennaio entrerà in vigore il super green pass per tanti ambiti dello sport, che toccano anche i professionisti del settore. Il Dipartimento per lo sport nelle FAQ non sembra prevedere deroghe per mettere in regola le squadre.

Davide Marchiol

Non sembrano essere previste deroghe (chiesta per motivi di tempistiche) per atleti professionisti e che svolgano attività di interesse nazionale , come invece richiesto da Petrucci (Federbasket) e Manfredi (Federvolley) per quanto riguarda il super green pass, che sarà obbligatorio dal 10 gennaio per per accedere a palestre, piscine, sport di squadra al chiuso e spogliatoi. Il presidente Figc Gabriele Gravina ieri aveva aperto all'ipotesi di vaccinazione obbligatoria per i calciatori professionisti e sembra che questa sarà la linea per quanto riguarda lo sport professionistico in generale. Il Dipartimento per lo sport oggi ha fatto un primo passo pubblicando le Faq (risposte alle domande frequenti) che non sembrano lasciare spazio a dergohe. È vero che le Faq non sono le linee guida, che arriveranno nei prossimi giorni, ma le indicazioni che danno sono comunque rilevanti.

Si legge infatti che "a partire dal 10 gennaio 2022, in zona bianca, gialla e arancione, l'accesso a eventi e competizioni sportivi (...), l'accesso a servizi e attività di piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all'interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso, nonché agli spazi adibiti a spogliatoi e docce (...), sarà consentito esclusivamente ai soggetti in possesso della cosiddetta certificazione verde rafforzata". Al punto 20 ci si chiede sa il green pass sia richiesto anche per gli atleti agonisti o di rilevanza nazionale? La risposta è chiara: "È richiesto anche per gli atleti agonisti o di rilevanza nazionale che accedono ai servizi e attività per i quali la normativa lo prevede". In pratica potrà essere un green pass base per chi pratica uno sport all'aperto e non ha bisogno di utilizzare spogliatoi (cosa specificata nel punto 21), ma rafforzato nei casi che abbiamo già descritto.

tutte le notizie di