Pierpaolo Marino ha parlato ai microfoni di Dazn. 

"Il cuore è ferito per la perdita di Maradona, manca un grande amico, un grande uomo e un grande calciatore che sapeva usare il piede come un pennello. 

Anche De Paul è un giocatore di grandi doti umane e tecniche, appartiene a quella razza di argentini che nel calcio sanno "predicare e portare la croce".

Nel mezzo di questa epidemia l'Udinese era un'isola felice perché, grazie all'organizzazione della società, avevamo stabilito dei protocolli che ci avevano aiutato a non subire contagi. Poi un giocatore rientrato dalle nazionali è risultato positivo a da lì sono sorti nuovi contagi. Ovviamente non è colpa sua, ma di un sistema Fifa che in questo momento non funziona, e noi ne paghiamo le conseguenze.
Quando noi paghiamo gli stipendi, proteggiamo i nostri calciatori impiegando altre risorse e poi dobbiamo subire dei danni non possiamo che denunciare tutto ciò a gran voce. "

Sezione: Notizie / Data: Dom 29 novembre 2020 alle 11:59
Autore: Jessy Specogna
Vedi letture
Print