notizie

L’Udinese è seconda in Serie A in un particolare dato

L’Udinese è seconda in Serie A in un particolare dato

Il Covid non ha solo svuotato gli stadi per lunghi mesi: la pandemia ha influenzato in modo evidente anche il calcio, costretto ad adattarsi cambiando una norma destinata a fare storia e a diventare sempre più “virtuale”

Stefano Pontoni

Si è affidato a piattaforme di streaming e prova a rivolgersi ai più giovani, sempre più multitasking e che cercano anche i giochi gratis casino mentre guardano le partite.

Ma tanto è cambiato anche in campo: ormai da un anno e mezzo sono permesse cinque sostituzioni (anche se utilizzabili in tre slot diversi, eccetto l’intervallo). Il cambiamento sembrava dover favorire in modo evidente i grandi club, vista l’abbondanza delle loro rose, a ben vedere – però – in quest’inizio di campionato sono anche altre squadre a beneficiare di questa norma. 

Crescono i gol “dalla panchina”

Prima di scendere nello specifico, è interessante prima di tutto notare quanto siano aumentati i gol “dalla panchina” negli ultimi mesi. Nelle due stagioni precedenti alla pandemia, 2017-18 e 2018-19, furono segnati 1017 e 1019 gol, di cui 106 e 110 da giocatori subentrati. In termini percentuali, parliamo del 10,4 e del 10,7%.

La tendenza si è invertita nel 2019-20, con la seconda metà della stagione già coi cinque cambi: 1154 gol totali, 151 dei panchinari e percentuale del 13%. Un’ulteriore crescita si è registrata nello scorso campionato (155 gol dalla panchina su 1160 reti totali, percentuale del 13,3%), mentre l’impennata decisiva si è registrata in questo inizio di stagione: dei 224 gol finora segnati, 37 sono arrivati dalle riserve per una percentuale del 16,5%. Tanto per intenderci, in Inghilterra (dove si è tornati alle tre sostituzioni) si viaggia al di sotto del 10% (18 gol su 184, 9,7% per essere precisi).  

Quali sono le squadre che segnano di più coi subentrati?

Le cinque sostituzioni hanno così radicalmente cambiato anche il modo di preparare le partite degli allenatori, e gestirle: emblematico il caso di Simone Inzaghi che è stato il primo in assoluto ad operare quattro cambi in contemporanea, contro il Sassuolo, finendo per ribaltare il match.

Negli ultimi due anni è stata l’Atalanta la squadra che ha usufruito di più dei gol dalla panchina: gran parte del merito va a Luis Muriel, un autentico “spaccapartite”. Col colombiano fuori per infortunio, i bergamaschi si sono limitati a due reti dalla panchina in questi 7 turni, siglati da Piccoli e Pasalic.

Ma le curiosità sono altre: la Juventus, che ha probabilmente la rosa più profonda e in Allegri un “mago” nella lettura dei match, è ancora a secco! I bianconeri condividono il primato negativo con Cagliari e Sampdoria e, soprattutto, registrano un netto passo indietro rispetto alla scorsa stagione quando con Pirlo arrivarono 12 gol dai subentrati (meglio ha fatto solo l’Atalanta).

Quali sono allora le squadre che in percentuale hanno trovato più gol dalla panchina? Ti aspetti le big e ti ritrovi Torino e…Udinese. Gli uomini di Juric hanno segnato 9 gol e 5 sono arrivati da riserve, addirittura più della metà (55,5%). C’è Pjaca, autore di due gol contro Sassuolo e Lazio, a guidare i granata in vetta a questa particolare classifica. 

E l’Udinese? Gotti ha trovato 4 “jolly” dalla panchina, due da Deulofeu, a fronte dei nove gol segnati in totale per una percentuale del 44,4%. Segue il Venezia (2 su 5, 40%), poi via via Inter (27,2%, 6 su 22 con tre reti di Dzeko), Spezia (25%), Atalanta, Genoa, Milan e Salernitana (20%). La tendenza continuerà anche per il resto della stagione?

tutte le notizie di