notizie

Gotti in conferenza: “L’Ascoli non ha nulla da perdere ma non più voglia di noi di vincere”

STADIO GIUSEPPE MEAZZA, MILAN, ITALY - 2021/05/23: Luca Gotti, head coach of Udinese Calcio, looks on during the award ceremony after the Serie A football match between FC Internazionale and Udinese Calcio. FC Internazionale won 5-1 over Udinese Calcio. (Photo by Nicolò Campo/LightRocket via Getty Images)

Le parole in conferenza stampa di Luca Gotti

Jessy Specogna

Luca Gotti ha presentato in conferenza stampa il match di domani contro l'Ascoli. Queste le sue parole.

Come arriva l’Udinese a questo primo impegno ufficiale e cosa si aspetta di vedere dalla squadra?

Ci arriva come succede normalmente un po’ a tutte le squadre in questa fase iniziale della stagione, con dei carichi di lavoro elevati e giocatori che non sono allo stesso grado di preparazione, perché c’è chi si è allenato da subito e chi si è invece aggregato successivamente. Per adesso, proprio nell’ottica degli alti carichi di lavoro e del dare priorità a obiettivi di carattere fisico più che tecnico tattico, si è lavorato meno su certi aspetti. Nelle partite precedenti spesso era una somma di singoli che faceva minutaggio, invece già da questa partita l’idea è di vedere una squadra vera.

Che tipo di avversario è l’Ascoli e che tipo di insidie presenta questa partita?

L’Ascoli è una buona squadra di serie B e le insidie sono legate alla freschezza e al fatto che non hanno nulla da perdere. Di sicuro però il nostro avversario non avrà più voglia di noi di vincere la partita.

Dal punto di vista tattico vedremo un’impostazione simile a quella adottata nella passata stagione?

Più volte ci siamo detti che ci sarebbe stata la volontà di cambiare qualcosa. Siccome non si sono finora concretizzati i presupposti che darebbero valore a questo cambiamento, per adesso continueremo su ciò che è stato.

In settimana sono rientrati in gruppo Pereyra e Becao. Come li ha visti?

Pereyra ha saltato giusto qualche giorno e si è riaggregato subito all’inizio di questa settimana, non mi sembra che abbia grossi problemi. Becao invece ha saltato una decina di giorni di allenamento e ha svolto una sola seduta ieri con i compagni. La situazione tra i due è molto diversa.

Deulofeu nell’ultima settimana ha lavorato con più continuità con la squadra. Ci sono possibilità di vederlo in campo?

In generale mi sembra che il ragazzo stia bene, lo vedo lavorare molto, però si è allenato in gruppo solamente questa settimana senza disputare alcuna partita finora. Bisognerà vedere come si metterà la gara di domani per capire se potrà essere il momento giusto per farlo iniziare a giocare.

Domani tornerà il pubblico allo stadio. Come vive questo momento?

Credo che sia proprio questa la nota bella da sottolineare, assieme al fatto che ricominciano gli impegni ufficiali. È un nuovo inizio che riporta il calcio dove deve stare, assieme alla gente, con tutte le relative componenti emotive.