Il noto giornalista Paolo Bargiggia a Udinese TV ha commentato la sconfitta patita dall'Udinese contro il Cagliari, ritornando su alcune considerazioni che aveva fatto nella passate partite bianconere, nello specifico alcune dichiarazioni post match contro la Lazio: “Qui in Italia abbiamo una sorta di allergia alle critiche positive, ci sono sempre o l’elogio e le piaggerie o la critica e basta, invece dovremmo guardare in faccia la realtà che le critiche fatte da addetti ai lavori sono fatti per il bene del movimento e nella fattispecie per il bene dell’Udinese. Penso mi si possa dire tutto tranne che non sono coerente nei giudizi, indipendentemente dal risultato. Ho sempre detto che il risultato si deve ottenere attraversa la crescita del gioco e della squadra, altrimenti non creano nulla. L’Udinese non ha praticamente mai giocato in questa stagione, quando aveva motivazioni diverse o era più in forma ha vinto delle buone partite, ora in questa fase invece vediamo un’involuzione pazzesca. Questa sera abbiamo visto una squadra andata in svantaggio e che non ha uno spartito, delle idee offensive. È chiaro che è successo qualcosina perché hai messo dentro tanti attaccanti è ovvio che andando tutti dentro provavano a battersela in area, però non c’è niente a livello di spartito. Questa squadra non conosce nulla a livello di spartito, ha vissuto spesso sulla classe e sull’ardore di De Paul, a me dispiace, mi sono accorto che talvolta le mie prese di posizioni sono state malinterpretate, ma alla fine non sono contento di ritrovarmi dopo una sconfitta a sentirmi dire che ho ragione, è un peccato invece, perché evidentemente il nodo del pettine è quello di cui parlo da un po’. A questo punto i ritiri non penso servano, abbiamo visto che comunque in questo punto della stagione la squadra ha l’encefalogramma piatto. Visto che non c’è un gioco offensivo talvolta è meglio il caos disorganizzato come visto nel finale stasera contro il Cagliari”.

Sezione: Notizie / Data: Gio 22 aprile 2021 alle 08:00
Autore: Davide Marchiol
Vedi letture
Print