Skorupski 6 - Non è mai chiamato ad interventi particolarmente complessi, anche se non può nulla dinanzi al pezzo di bravura di Rodrigo De Paul, che si beve mezza difesa e lo lascia interdetto con un colpo da biliardo che lo prende in controtempo.

Tomiyasu 6 - L'unico neo è la chiusura un po' tardiva su De Paul, che gli ruba una manciata di frazioni di secondo per battere Skorupski. Per il resto è accorto, un riferimento solido.

Danilo 5,5 - Il peccato del suo primo tempo è quella marcatura troppo leggera su De Paul: lascia troppa libertà all'argentino, che gli sguscia via con una serpentina delle sue e mette fuori causa l'incolpevole Skorupski.

Soumaoro 5,5 - Non ha responsabilità dirette sul timbro di De Paul, ma colleziona qua e là qualche lettura errata e difetti di posizionamento. Non sembra totalmente a suo agio.

Dijks 5,5 - Non che Molina gli dia troppe noie, tutto il contrario. Ma forse, proprio per questo, ci si attenderebbe qualcosa di più da lui. Invece galleggia nella mediocrità, e combina poco. (Dall'82' Juwara s.v.).

Soriano 5,5 - Sembra patire un po' l'arretramento imposto dall'innesto sulla trequarti di Vignato. E infatti non è lui, per quaranta minuti abbondanti. Poi si ridesta dal torpore e confeziona l'occasione più ghiotta per il Bologna in tutto il primo tempo con una grande progressione. Nella ripresa torna però a nascondersi.

Schouten 5,5 - Un pomeriggio non brillante: dopo l'intervallo rischia grosso quando, già ammonito, interviene incautamente su Stefano Okaka. Santoro non estrae il secondo giallo: una decisione borderline e dunque passabile, ma Mihajlovic comprende l'antifona e lo richiama alla base. (Dal 62' Svanberg 6 - Entra bene, provocando un paio di pericoli dalle parti di Musso).

Skov Olsen 5 - Il duello vinto con Orsolini gli offre un jolly da non sprecare. Lui invece lo manda in frantumi con una prestazione incolore, nella quale non salta l'uomo né offre palloni invitanti ai compagni. La sostituzione poco oltre il sessantesimo è l'inevitabile conseguenza di tutto ciò. (Dal 63' Orsolini 7 - Provvidenziale: trasforma il rigore ed evita il k.o.).

Vignato 5,5 - Sente gli occhi addosso, lo si percepisce. E infatti inizialmente si fa prendere dalla frenesia, conclude un paio di volte senza preoccupare Musso. Poi più nulla, o quasi, fino all'uscita dal campo. (Dall'80' Poli s.v.).

Barrow 5 - In avvio ha un'occasione potenzialmente letale, con quel piattone nel cuore dell'area friuliana che s'infrange sullo scoglio della difesa bianconera. Non sa essere mortifero, fagocitato dalla compattezza della linea a tre avversaria. (Dal 61' Sansone 6 - Meno appariscente di Orsolini, ma fa il suo).

Palacio 6,5 - La conferma è scontata e inevitabile, dopo la tripletta con la Fiorentina. Lampi sparsi che però non portano a nulla nel primo a tempo, anche perché i compagni di ventura non è che appaiano particolarmente in forma. Anche oggi, nonostante tutto, è decisivo: opportunista sull'episodio del rigore, che si guadagna con un dribbling su Musso.

Sinisa Mihajlovic 6 - La aggiusta in corsa con i cambi, che risultano decisivi. E se questo Orsolini fosse partito dal primo minuto...

Sezione: L'Avversario / Data: Sab 08 maggio 2021 alle 17:23
Autore: Stefano Pontoni / Twitter: @PontoniStefano
Vedi letture
Print