l avversario

Juventus, Pirlo: “Entrati troppo timorosi. Non ? stata la miglior Juve”

Andrea Pirlo ha parlato ai microfoni di Dazn al termine della gara vinta 4 a 1 contro l'Udinese: "Non è stata la migliore Juventus perchè venivamo da una brutta sconfitta con la Fiorentina, quindi all'inizio eravamo un...

Stefano Pontoni

Andrea Pirlo ha parlato ai microfoni di Dazn al termine della gara vinta 4 a 1 contro l'Udinese: "Non è stata la migliore Juventus perchè venivamo da una brutta sconfitta con la Fiorentina, quindi all'inizio eravamo un po' timorosi, un po' paurosi soprattutto per la profondità dei loro due attaccanti che erano molto veloci. Sapevamo che venivano a fare questo tipo di partita, non dovevamo perdere palla nelle nostre uscite perchè poi loro erano pronti a ripartire con i loro giocatori. L'inizio è stato un po' timoroso e poi piano piano siamo cresciuti e nel secondo tempo abbiamo fatto meglio".

Alla fine il suo abbrraccio con Dybala. Lui aveva bisogno di un gol allo Stadium dopo tanto tempo. "Sì, noi abbiamo bisogno di lui, lui ha bisogno di noi, ha lavorato benissimo questa settimana, infatti in campo si è visto, stava molto meglio fisicamente, poi quando tu stai bene, le cose ti riescono meglio. Lo abbiamo tenuto in campo tutta la partita perchè volevamo che facesse questo gol e infatti alla fine se l'è meritato e siamo riusciti ad abbracciarlo tutti".

Cosa ti ha soddisfatto e cosa no?"Non mi ha soddisfatto l'inizio perchè siamo entrati troppo timorosi, troppo con la paura dell'ultima partita, quando avevamo preso dei gol con la difesa un po' scombussolata, che scappavamo un po' troppo. Quindi all'inizio con i difensori abbiamo lasciato un po' troppo campo e non uscivamo con il giusto tempo soprattutto con gli esterni. Quando esci in ritardo con gli esterni poi anche i tre difensori fanno fatica a coprire lo spazio. Per quanto riguarda i miglioramenti, era importante l'atteggiamento di voler vincere la partita, in qualsiasi modo. Dovevamo aver pazienza perchè sapevamo che loro potevano fare una partita di attesa e giocavano soprattutto sui nostri errori, concedendo delle ripartenze.Siamo stati bravi invece con le preventive che era la cosa più importante di questa partita".