È un Andrea Della Valle radioso e soddisfatto della vittoria della sua squadra e della conquista della finale di Coppa Italia ai danni dell'Udinese quello che ha analizzato alla Rai l'approdo in finale di Coppa Italia della Fiorentina: "E' una bella soddisfazione. Per me, per mio fratello, per i tifosi che oggi hanno fatto la differenza. Ci godiamo questa finale e da domani pensiamo all'Inter. Sentivo molto questa partita, dopo tante difficoltà negli anni scorsi e sono emozionato. Negli ultimi minuti di solito scendo negli spogliatoi, non ho visto neanche la parata incredibile di Neto che abbiamo difeso perchè ci credevamo molto, andando contro a molti tifosi che erano perplessi ed è una scommessa vinta. E' un grande portiere.
Il momento più difficile della vostra gestione e gli obiettivi oltre la finale di Coppa Italia? "Di traguardi ce ne sono stati tanti, dalle promozioni alle qualificazioni Champions. Dall'anno scorso è partita una seconda fase, si percepiva dalla gara proprio con l'Udinese che c'era qualcosa di magico. Abbiamo perso la Champions agli ultimi dieci minuti, ma siamo diventati una bella realtà. In questa città così competente dovevamo riportare il bel calcio e Montella mi ha accontentato. Rivedo una città orgogliosa. Non dimentichiamo che chi ci precede ed anche due squadre dietro prendono molti più soldi dalle televisioni rispetto a noi...
Roma o Napoli in finale? Sono due grandi squadre, domani vedremo... ma non abbiamo paura di nessuno"

Sezione: L'Avversario / Data: Mer 12 febbraio 2014 alle 08:15
Autore: Stefano Pontoni
vedi letture
Print