Una lente d'ingrandimento su Nicholas Opoku: al centro delle critiche per l'errore col Milan, Obodo lo difende

07.11.2018 22:00 di Emanuele Calligaris Twitter:   articolo letto 1247 volte
Una lente d'ingrandimento su Nicholas Opoku: al centro delle critiche per l'errore col Milan, Obodo lo difende

Premessa: sarà difficile sottrarre dai commenti negativi questo articolo. Nonostante tutto mi sembra giusto andare a conoscere meglio questo giocatore, che domani compirà 21 anni, e la sua carriera, seppur breve. Christian Obodo, ex centrocampista dell'Udinese, ha detto di lui, rivolgendosi a giornali e tifosi: "Non massacratelo"; Bruno Pizzul, giornalista ed ex calciatore, invece ha dichiarato: "Se il Milan non avesse fatto gol nel finale nessuno si sarebbe ricordato dell'errore di Opoku".

Nicholas Opoku nasce a Kumasi, in Ghana, l'8 novembre 1997. Sceglie il calcio, sport nazionale in Ghana. Cresciuto nel Kumasi Corner Babies, la sua prima squadra da professionista è il Berekum Chelsea, club ghanese associato a quello inglese del Chelsea. Non abbiamo notizie particolari rispetto alla sue prime due stagioni in carriera (2016-17), ma quello che possiamo dire è che al Berekum Chelsea Opoku sviluppa la sua abilità nel gioco aereo, la sua velocità e la sua reattività, doti comunque ancora da affinare, tenendo conto anche del suo notevole fisico (190 cm per 87 kg).

38 presenze e 2 reti al Berekum fanno sì che Opoku si trasferisca nel 2017 al Club Africain, squadra tunisina che ha nel suo palmerès 13 campionati nazionali e altrettante coppe di Tunisia. L'esordio in campionato (stagione 2017-18) per Opoku arriva il 9 settembre 2017 nella gara persa in trasferta contro il Kairouan, dopo che non era stato convocato per le prime tre gare: da questa data Nicholas diventa un titolare fisso della squadra. Non ha segnato al Club Africain ma è arrivato un assist per la rete decisiva di Zouhaier Dhaouadi nella gara contro il Medenine del 23 dicembre 2017 (vittoria per 0-1). E' rimasto fuori per cinque partite tra gennaio e febbraio 2018: in primis per via di una squalifica per somma di ammonizioni, in secondo luogo per via della "punizione" inflitta dall'allenatore Bertrand Marchand proprio per la squalifica suddetta. Al termine della stagione la squadra di Opoku arriverà 2° in campionato (vinto dall'Esperance) e vincerà la coppa nazionale, battendo in finale (con Nicholas in campo per 12 minuti) il Sahel 4-1. Per quanto riguarda Opoku, si registrano in questa annata 20 presenze (18 in campionato e 2 in coppa).

Il 13 luglio 2018 Opoku firma un quadriennale con l'Udinese. Per l'ennesima scommessa in casa Pozzo sono state 4 le presenze fin qui in Serie A in questa stagione; l'esordio è arrivato il 26 agosto 2018 nella gara contro la Sampdoria (vinta 2-0) dove Opoku ha giocato 1 minuto subentrando nel finale a Behrami. A partire dalla gara col Genoa è diventato titolare nella formazione di Velazquez al posto dell'acciaccato Nuytinck. Nell'ultima partita giocata contro il Milan è stato suo l'errore decisivo, ma come detto anche dai miei colleghi, non possiamo dare tutta la colpa a lui. Gli auguro di riuscire comunque a superare questo momento difficile, rispondendo sul campo con delle prestazioni più incisive e convincenti.

Per completare il quadro, aggiungiamo anche le sue esperienze con le selezioni del Ghana: ha giocato, oltre all'U-17 e l'U-20, per la Nazionale maggiore scendendo in campo in 5 occasioni. Il suo esordio è avvenuto il 1° luglio 2017 nell'amichevole persa contro gli Stati Uniti per 2-1.