focus

Udinese a Bergamo con il 3-5-2: Gotti punta su un assetto conservativo

Luca Gotti (Coach Udinese Calcio) during the Italian football Serie A match Udinese Calcio vs Bologna FC on October 17, 2021 at the Friuli - Dacia Arena stadium in Udine, Italy (Photo by Alessio Marini/LiveMedia/NurPhoto via Getty Images)

L'Udinese è attesa domenica dal big match contro l'Atalanta degli ex Musso, Muriel e Zapata. I bianconeri, che non vincono dal 12 settembre, vanno in cerca dell'impresa. Come se la giocherà Gotti?

Stefano Pontoni

Tanti dubbi in vista della trasferta orobica per il tecnico bianconero. L'assenza di Pereyra, squalificato, lascia aperti due diversi scenari. Molto dipenderà da come Gotti vorrà impostare la partita, se con un assetto più difensivista - e allora sarà ancora una volta 3-5-2 con Arslan schierato al posto dell'argentino - o provando a giocarsela a viso aperto.

Improbabile, vista la caratura dell'avversario, però il cambio di modulo. Che a Udine si stia lavorando sul passaggio a 4-2-3-1 non è un mistero ma contro l'Atalanta non si faranno esperimenti. Meglio andare sul sicuro, meglio puntare su una mediana compatta e muscolare che possa fare filtro.

Per questo motivo dovrebbe partire dalla panchina Samardzic. Il talentino ex Lipisa, che potrebbe dare maggiore inventiva e dinamicità in mezzo al campo, ha avuto poche occasioni per mettersi in mostra dopo il gol da tre punti contro lo Spezia. Nemmeno l'assenza del Tucu sembra possa giocare a suo favore.

Ballottaggio in avanti, invece, tra Pussetto e Beto. Il portoghese, decisivo con due gol contro Sampdoria e Bologna, potrebbe partire dalla panchina lasciando spazio all'attaccante argentino. Gotti potrebbe riproporre l'attacco leggero, provando a sfruttare le ripartenze veloci. Sugli esterni è certo il rientro dal primo minuto di Molina. A fargli posto uno tra Larsen e Udogie.

tutte le notizie di