focus

L’Udinese si lecca le ferite, ma che furto…

UDINE, ITALY - OCTOBER 27: Giovanni Simeone of Hellas Verona  competes for the ball with  Bram Nuytinck of Udinese Calcio during the Serie A match between Udinese Calcio and Hellas Verona FC at Dacia Arena on October 27, 2021 in Udine, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

L'Udinese viene scippata, tanta amarezza per una classifica che non rispecchia i reali mezzi di questa squadra

Stefano Fabbro

L'Udinese ancora una volta esce dal campo con l'amaro in bocca, gioca almeno 60 minuti di alto livello dominando letteralmente l'avversario, ma ancora una volta i punti non arrivano, ma questa volta non si può fare a meno di commentare il rigore inesistente che ha permesso al Verona di raggiungere il pareggio. Probabilmente, anzi sicuramente l'Udinese ha avuto il demerito di non chiudere la partita nel primo tempo, probabilmente si è abbassata troppo nell'ultima mezz'ora di gara, ma è anche vero che il Verona non ha mai calciato verso la porta, mettendo in mostra soltanto uno sterile dominio territoriale ben gestito dalla difesa bianconera, fino a quando al minuto 83' il direttore di gara si inventa totalmente un calcio di rigore per intervento "falloso" di Becao su un Barak già in caduta e con la palla lontana dalla sua disponibilità grazie ad un intervento pulito di Pereyra sul pallone, un rigore ridicolo che condanna l'Udinese ad un pareggio assolutamente immeritato, ma quello che fa ancora più rabbia è che non è la prima volta che quest'anno gli episodi arbitrali non sorridono ai bianconeri, visto che le partite con Fiorentina e Bologna gridano ancora vendetta. Oltre all'errore grave dell'arbitro Marchetti, viene naturale chiedersi che cosa abbia fatto il Var durante quei 5 minuti buoni di Silent Check, come è possibile che il signor Doveri al Var non abbia visto che Pereyra prende pienamente il pallone e che Becao interviene su un Barak già in caduta e col pallone distante da lui? Qualcuno dirà che non è stato considerato chiaro errore, ma allora che cosa è da segnalare come chiaro errore? Perché contro la Fiorentina il Var è intervenuto per quella veniale spintarella di Walace su Bonaventura e ieri no? Tutte domande che meriterebbero delle risposte, perché la confusione è alta, altissima e in casa Udinese sarebbe anche l'ora che qualcuno si faccia sentire perché i punti persi per questi episodi iniziano ad essere tanti.

Chiuso l'argomento sull'arbitraggio, adesso in casa Udinese l'amarezza regna sovrana, amarezza perché questa squadra gioca bene ma non riesce più a vincere, neppure una partita totalmente dominata come quella di ieri e adesso la vittoria inizia a mancare da troppo tempo e domenica ci attende la trasferta di Milano contro l'Inter, non proprio una passeggiata...ancora una volta la sensazione è che questa squadra raccolga molto meno di quanto meriti sicuramente, ma anche che spesso giochi con il freno a mano tirato, anche ieri nel secondo tempo quando un cambio "particolare" del mister (Larsen per Success) ha fatto abbassare la squadra di dieci metri concedendo campo ad un Verona mai pericoloso si, ma col risultato in bilico provare a gestire in difesa è sempre rischioso e ieri l'Udinese ancora una volta ha pagato il conto. Il campionato sta andando avanti, questa Udinese piace per gioco, giocatori e qualità, ma adesso servono anche i punti, 11 sono troppo pochi per il materiale umano a disposizione, quest'anno una stagione anonima come l'anno passato non è ammessa, bisogna spingersi più in la perché i mezzi ci sono, basta non disperderli per paura o per troppa prudenza, perché talvolta la troppa prudenza poi si paga e la partita di ieri lo dimostra, arbitraggio scandaloso a parte.

tutte le notizie di