Tutto Udinese
I migliori video scelti dal nostro canale

esclusive

ESCLUSIVA – Pizzul: “Le prossime due partite saranno decisive per Cioffi”

MILAN, ITALY - DECEMBER 19: Italian Journalist, sports commentator and former  football player Bruno Pizzul during the photocall for the presentation of the event broadcast Il Campionato fa 90. Milan (Italy), December 19th, 2019 (Photo by Marco Piraccini/Archivio Marco Piraccini/Mondadori Portfolio via Getty Images)

L'Udinese post Gotti è ripartita dal buon punto contro il Milan

Stefano Pontoni

Alla prima Cioffi ottiene un pareggio che è un'iniezione di fiducia. Cosa succederà ora? L'abbiamo chiesto allo storico giornalista Bruno Pizzul: "Alla vigilia avremmo tutti messo la firma sul pareggio, alla resa dei conti invece ha lasciato un po' di amaro in bocca per i modi e per i tempi in cui è arrivato. Il gol di Ibra è conseguenza diretta di una serie incredibile di errori, a cominciare da quello di Walace. E' un punticino comunque importante che consente comunque alla squadra di riacquistare un po' di fiducia e di consapevolezza nei propri mezzi. I bianconeri avrebbero meritato nel complesso la vittoria. Nel primo tempo l'Udinese ha dominato, avrebbe potuto e dovuto raddoppiare. Poi nella ripresa le cose sono cambiate. Pioli ha modificato l'assetto tattico della squadra, inserendo due giocatori di livello che gli hanno permesso di alzare il baricentro. A quel punto i bianconeri si sono rinchiusi dietro senza però soffrire molto. Il gol finale sa di beffa perché fino a quel momento non era stato sbagliato nulla".

Cioffi è l'uomo giusto?

"Marino ha detto chiaramente che non è un traghettatore bensì l'uomo giusto per condurre la squadra. Quelle contro Cagliari e Salernitana, però, sono due partite davvero delicate nelle quali lui è chiamato a dimostrare di poter valere il ruolo che gli hanno dato. Se dovesse sbagliare queste due sfide penso che la situazione precipiterebbe, al contrario se dovesse centrare due risultati positivi penso possa restare sulla panchina bianconera fino in fondo. E' un gran motivatore, sicuramente ha dato una scossa ad uno spogliatoio che era chiaro mal digerisse per qualche motivo Gotti".

In fase difensiva ancora qualche errore di troppo.

"L'assenza di Larsen pesa. E' un giocatore che soprattutto in fase difensiva ha sempre dato il suo grande contributo. Udogie ancora non ha continuità di rendimento. Si vede che ha grandi potenzialità ma spesso si perde".

Beto non è più una sorpresa? 

"Ha dei margini di miglioramento notevolissimi. Anche contro il Milan ha fatto un grande gol. Adesso è una sicurezza là davanti, un giocatore imprescindibile. Sicuramente in futuro sarà una grande plusvalenza".

Deulofeu ancora a metà?

"Ha degli atteggiamenti un po' così. La sua superiorità tecnica è indubbia ma non può lamentarsi continuamente dei compagni. Deve mettersi più al servizio della squadra se vuole davvero ritagliarsi un ruolo importante in questa Udinese".

Walace?

"Fino all'errore da cui poi è nato il gol era stato il migliore assieme ad Arslan. Quella palla persa è stata sanguinosa, una situazione davvero sfortunata. Il gol di Ibra comunque è colpa di tutti non solo sua".

Domani Udinese impegnata in Coppa Italia. Cosa dobbiamo aspettarci?

"E' una partita che va interpretata nella giusta maniera. E' di fondamentale importanza che la squadra di altri segnali di compattezza".

tutte le notizie di