Unieuro Forlì-Apu Gsa 88-82, LE PAGELLE: terzo quarto da incubo, altra caduta in trasferta

16.12.2018 22:51 di Francesco Paissan  articolo letto 673 volte

Una Apu Gsa dal doppio volto esce nuovamente sconfitta da una trasferta, anche contro una Unieuro Forlì che ha mostrato grande carattere nel rimontare uno svantaggio arrivato fino a 17 punti. Il risultato finale dice 88-82 e la gara ha mostrato quei lati negativi che Udine si sta portando dietro da troppo tempo come blackout nel terzo quarto e la quasi incapacità di reagire di fronte alle difficoltà, nonostante un primo e un secondo quarto assolutamente brillanti che hanno illuso i tifosi e forse gli stessi giocatori che questa potesse essere una partita semplice. Queste le pagelle della partita:

Mortellaro 5,5: Cavina lo preferisce avere nei minuti finali dove paga non solo la scarsa prestazione della squadra ma anche qualche fallo fischiatogli di troppo

Pinton 6,5: se si è arrivati ai minuti finali con il risultato ancora in bilico lo si deve anche a lui e alle sue triple mortifere. E’ l’anima della squadra e l’ultimo ad arrendersi

Genovese s.v. : gioca sempre meno di cinque minuti, da troppo tempo forse

Cortese 5: la discontinuità sua è la discontinuità dell’Apu. Si fa davvero fatica a capire che tipo di giocatore sia, se quello che ha giocato molto bene con Ferrara o questo, capace di buttare via anche il pallone dell’ultima speranza

Simpson 6: da solo non può fare miracoli, specialmente se reduce da una settimana passata da infortunato o quasi. Si spegne anche lui dopo i primi due quarti

Penna 5,5: i forlivesi lo costringono a giocare diverse volte i mismatch con altri più lunghi e grossi di lui, ma oltre a questo resta comunque troppo leggero in fase difensiva

Nikolic 6: anche lui non mostra grandi attitudini difensive ma gioca con voglia, confezionando giocate importanti. Continua a crescere

Pellegrino 5,5: non è una giornata semplice per i lunghi udinesi, costretti troppe volte a mettere il naso fuori dalla propria area. In panchina nei minuti in cui si fa la partita

Powell 6: certamente anche lui gioca una partita non lineare, però l’Apu riesce a far male quando l’americano si accende. Quando questo non accade però il contraccolpo si sente

Spanghero 5: gioca molti minuti ma non si accende proprio mai, faticando sotto molti aspetti, anche al tiro dove, nelle ultime due uscite, aveva mostrato le cose migliori

Cavina 5: troppi indizi fanno una prova, squadra incapace di reagire quando è in difficoltà