Le prime parole di Alessandro Ramagli: "Sono arrivato in una città che sa di pallacanestro"

30.05.2019 12:18 di Francesco Paissan   Vedi letture
Le prime parole di Alessandro Ramagli: "Sono arrivato in una città che sa di pallacanestro"

Chi dice Udine pensa subito all’Udinese. Così è stato per tanto tempo e continua a essere pure al giorno d’oggi, eppure in città e nei dintorni si mastica non poco anche di basket e i palati paiono essere diventati piuttosto fini. Il nuovo status, quello di una Udine affezionata anche al gioco con la palla a spicchi, pare essere stato riconosciuto anche dal nuovo coach dell’Apu Gsa, Alessandro Ramagli, che ha parlato ieri in questo modo ai giornalisti del Messaggero Veneto: “La prima sensazione è quella di essere arrivato in una città che sa cos’è la pallacanestro. Arrivo in punta di piedi sapendo di essere circondato da persone che vivono per il basket. Ai tifosi dico che non vedo l’ora di conoscerli. Ci vediamo venerdì a Udine”. Domani si terrà, infatti, la presentazione ufficiale di Ramagli, prevista per le ore 12.30 al PalaCarnera.

Anche dalle parole di Micalich, che saluta coach ‘Martello’ e presenta brevemente Ramagli, raccontando anche da dove sia nato questo nuovo accordo, traspare soddisfazione per i risultati del lavoro che la società bianconera ha svolto in questi anni: “Ho avuto colloqui con vari allenatori, la cosa più bella è aver constatato che Udine sia una piazza ambita da tutti i coach d’Italia. Ringrazio tutti per la disponibilità dimostrata e colgo l’occasione per salutare e ringraziare Alberto Martelossi per quanto ci ha dato. Abbiamo deciso di cambiare perché vogliamo rilanciare con qualcosa di nuovo, da questo punto di vista Ramagli ci è sembrato fosse perfetto. Il primo incontro è avvenuto a Livorno in occasione delle finali interregionali under 15 e ci siamo subito trovati in sintonia. Ripartiamo dunque con Ramagli, una prima scelta. Abbiamo bisogno di una ventata d’aria nuova, insieme costruiremo una squadra arrembante che piacerà alla gente”. Appuntamento dunque a domani per il primo incontro con l’allenatore che siederà sulla panchina dell’Apu in quella che, si augura, possa essere una stagione ricca di successi e soddisfazioni, qualcosa che non è accaduto nella stagione appena terminata.