Apu Gsa, tutto quello che c'è da sapere sui playoff prima dell'ultima giornata di campionato

16.04.2019 13:32 di Francesco Paissan   Vedi letture
Apu Gsa, tutto quello che c'è da sapere sui playoff prima dell'ultima giornata di campionato

Con la Fortitudo Bologna già ampiamente promossa in Serie A, la lotta per diventare testa di serie ai playoff dalla parte dell’Est si giocherà tra Treviso e Porto San Giorgio, con Treviso che affronterà l’Apu e Montegranaro che ospiterà Cagliari. Le due formazioni sono ad oggi appaiate a quota 46 punti e sarà dunque decisiva la prossima giornata per definire la seconda e terza posizione del girone, con Treviso che vanta comunque un vantaggio nel conteggio degli scontri diretti. Il terzo gettone per i playoff sembra essere in mano a Verona che, nonostante il k.o. in terra friulana di domenica, potrà giocare in casa l’ultima contro Cento e, nonostante gli ospiti siano ancora in lotta per evitare la retrocessione diretta, avrà dalla sua tutti i favori del pronostico. Se però i gialloblu dovessero inciampare contro la Baltur ecco che portare a casa la vittoria a Treviso consentirebbe alla banda di Martelossi di mettere le mani sulla quarta posizione. Sesta e settima posizione verranno invece contese da Roseto e Forlì con questi ultimi che si sono fatti raggiungere dopo aver perso da Mantova nella scorsa giornata. Dovessero chiudere in parità il girone, Roseto conta un vantaggio di +3 negli scontri diretti. Mantova, che ha intanto già blindato l’ottava posizione, deve vincere contro Jesi e sperare in una sconfitta delle due squadre che la precedono per eseguire un sorpasso all’ultima giornata, che sarebbe favorito anche dalla favorevole differenza canestri che gli Stings contano sia contro Roseto (+2) che contro Forlì (+8). Rimane un solo posto per i playoff che, al momento, sarebbe conteso da Ravenna e Imola, con l’OraSì avanti negli scontri diretti e chiamata a giocarsi tutto contro Ferrara. Imola si troverà invece in trasferta di fronte a Forlì, dove vincere non è certo semplice. Attenzione infine a Ferrara che, dovesse vincere con un vantaggio di più di 4 punti contro Ravenna e dovesse perdere pure Imola, si troverebbe ad occupare l’ultimo posto utile per i playoff.

Chi affronterà Udine ai playoff? Molto più complicato dare una risposta a questa domanda. Dovesse terminare oggi la stagione regolare Udine incontrerebbe una vecchia conoscenza, Casale Monferrato, dalla quale l’Apu ha subìto l’eliminazione negli scorsi playoff. La situazione a Ovest è però molto equilibrata e sconvolgimenti dell’ultima giornata non sono da escludere, anzi. Casale innanzitutto si giocherà la posizione contro Biella direttamente al prossimo turno e, in virtù del risultato dell’andata, comincerà la gara con un vantaggio ‘virtuale’ di 8 punti. Dovesse completare la rimonta, Biella potrebbe diventare la formazione accoppiata con Udine. In caso contrario i casi invece si moltiplicano. Casale sarebbe aritmeticamente sesta se dovesse perdere con meno di 8 punti di scarto. In caso di vittoria bisognerebbe invece andare a controllare i risultati di Bergamo, che attende in casa Tortona, e di Rieti e Treviglio che si affronteranno direttamente. In caso di arrivo a pari punti tra Bergamo e Casale il vantaggio apparterrebbe ai primi con un +12. Nell’eventualità infine di un pareggio a 34 punti con, oltre che a Bergamo e Casale, anche Rieti ecco che quest’ultima squadra, indietro negli scontri diretti, andrebbe ad affrontare Udine mentre se dovesse essere Treviglio a rimanere a 34 ecco che si andrebbe al conteggio del quoziente tra canestri fatti e subiti visto l'equilibrio tra le squadre ma a quel punto sarebbe FantaBasket.

Ci siamo qui limitati ai soli casi legati al piazzamento attuale di Udine, senza dunque prendere in considerazione un sorpasso ai danni di Verona che mischierebbe ancor di più le carte. Solo sabato comunque avremo le certezze sul futuro prossimo dell’Apu Gsa che, intanto, avrà di fronte la Treviso di Logan per chiudere il cosiddetto 'antipasto di playoff'. Godiamoci l'ultima Udine di regular season e solamente poi ci si potrà concentrare sulle ultime danze dell'anno in cui il Gioco sarà, ci si augura, tutta un'altra storia.