Apu Gsa-Bondi Ferrara 88-70, LE PAGELLE: la legge del Carnera non sbaglia, un'altra vittoria interna

09.12.2018 01:04 di Francesco Paissan  articolo letto 614 volte
Apu Gsa-Bondi Ferrara 88-70, LE PAGELLE: la legge del Carnera non sbaglia, un'altra vittoria interna

Una vittoria e una prestazione importante, questo era quanto serviva e questo è quanto si è visto fare ai ragazzi dell'Apu nella sfida casalinga contro Ferrara. Gli ospiti, ancora a secco di vittorie in trasferta, non hanno saputo trovare una alternativa alla bocca di fuoco principale, Isaiah Swann, complice anche il ritorno non al meglio di Mike Hall dall'infortunio. I bianconeri sono stati comunque bravi ad arrivare spesso al ferro e a colpire da tre punti, due armi che, assieme ai punti arrivati dalla panchina, si possono definire fondamentali. Ma ecco le pagelle:

Mortellaro 6 Ha l’esperienza per capire che a questa squadra servono anche giocate semplici ed efficaci, delle quali lui è un maestro

Pinton 6,5 Quando vede la retina muoversi e prende fiducia diventa un giocatore chiave nelle rotazioni dell’Apu

Genovese s.v. Quattro minuti non possono bastare per giudicarlo, sembra un poco innervosito

Cortese 6,5 Forse si ricorda ancora di qualche punto debole dei suoi ex-compagni visto che chiude la gara come miglior realizzatore bianconero. E’ di questa versione di Cortese che l’Apu ha bisogno

Simpson 6 Serata difficile perché deve marcare il peggior cliente della serata, ovvero Swann. Soprattutto nel secondo tempo lo limita ma, comprensibilmente, perde lucidità in attacco

Penna 5,5 Gioca soprattutto nelle prime due frazioni di gioco ma fatica troppo, commettendo pure troppi falli

Nikolic 6,5 Gli appausi che il Carnera gli dedica sono forse la nota più lieta di questa partita. Mette in mostra talento e grandi doti fisiche che certamente vorremmo rivedere

Pellegrino 7 Quanto serviva questa buonissima prova lo sapeva solo lo stesso lungo siciliano. Pur iniziando la gara con qualche imprecisione si guadagna anche lui gli applausi mettendo al servizio della squadra muscoli e grinta

Powell 7 Sembra avere il telepass tanta è l’apparente semplicità con cui arriva al ferro. E’ il protagonista del terzo quarto, quello in cui Udine prende il largo

Spanghero 6,5 Quel tiro di Cagliari deve avergli dato una grande spinta, tant’è che gioca con grande fiducia nei suoi mezzi, mostrando giocate non solo belle ma pure importanti

Cavina 6,5 Questa vittoria serve a scemare il rumore che si era generato intorno a lui