Apu Gsa, Pedone presenta la stagione: "Vogliamo conquistare i play-off. Entro domenica scioglieremo il nodo Okoye"

 di Stefano Pontoni Twitter:   articolo letto 285 volte
Apu Gsa, Pedone presenta la stagione: "Vogliamo conquistare i play-off. Entro domenica scioglieremo il nodo Okoye"

Giornata di bilanci e presentazioni in casa GSA. Nelle sede della Direzione Generale a Feletto Umberto il presidente Pedone, davanti a una folta platea di sponsor, istituzioni e giornalisti, ha fatto il punto della situazione sulla stagione conclusa e ha tracciato la direzione per la prossima: “A Cividale ci siamo divertiti portando a casa gli scalpi di Treviso, Fortitudo e Trieste. Spiace aver mancato i play-off perchè col senno di poi l’accesso alla post season era un obiettivo raggiungibile. Credo che la nostra società abbia raggiunto la dimensione per competere in Serie A2 in campo e nelle infrastrutture. Ora arriviamo al Carnera con tre anni al Benedetti e un anno a Cividale sulle spalle. Ci siamo sempre vantati con orgoglio di essere udinesi, ma aver giocato a Cividale ci ha resi più friulani. Adesso questa squadra rappresenta l’intero Friuli. Va alzata l’asticella dei 2.500 spettatori a partita, credo che possiamo arrivare a 3.000 presenze. L’obiettivo per il 2017/18 è quello di conquistare i play-off. Entro domenica scioglieremo le riserve sull’ala piccola. Ci sono stati sviluppi positivi con Stan Okoye perché il ragazzo ha fatto due passi verso la nostra direzione. Presto sapremo se Stan sarà ancora dei nostri, altrimenti le alternative sono già sul tavolo. Pellegrino? Un ragazzo che ha fatto molto bene a Ferrara, è la nostra prima scelta sotto canestro. I chilogrammi in questa categoria contano molto. I nostri giovani sono importanti e contiamo di chiudere nei primi venti giorni di giugno l’intera rosa”. 

Alla conferenza stampa erano presenti anche le istituzioni, a partire dall’assessore di Cividale Giuseppe Ruolo: “Da cividalese sono stato conquistato anch’io dall’APU. Mantova, Treviso e Trieste sono state partite eccezionali. Mi sono emozionato, ma ora è giusto che Udine torni nella sua casa naturale. Cividale rimarrà per sempre la seconda casa del club. La società ha fatto respirare aria di grande sport a Cividale proprio nell’anno in cui la nostra città ha perso una grande persona: Desio Flebus”.

C’è stato anche un passaggio di consegne tra assessori quando l’assessore Raffaella Basana ha preso la palla dalle mani di Ruolo : “Il Carnera è completamente rinnovato e accogliente. Speriamo che riesca ad offrire la giusta disponibilità di posti per questa squadra che ha numeri sempre maggiori. L’impegno di aprire per i Mondiali femminili under 19 in programma a luglio verrà mantenuto e speriamo che tutto vada per il meglio”.

Quindi ha preso la parola il Sindaco di Tavagnacco Maiarelli: “E’’ appena il 18 maggio eppure qui si sta già programmando la prossima stagione. Questo è un bellissimo segnale. Credo che il trasferimento a Cividale abbia comportato effetti positivi. Qui si costruisce un percorso che sono convinto ci farà divertire tutti ancora tantissimo!”